Continuare a usare Windows 7 nel 2020 in sicurezza

precauzioni usare Windows 7 Esattamente come avvenne ben 6 anni fa, quando terminò il supporto di Windows XP, a partire dal Gennaio 2020 Microsoft ha terminato il supporto per Windows 7 che viene ancora utilizzato da tante persone sui loro computer (attualmente la stima è del 30%).
Come spiegato in un altro articolo su cosa significa e cosa succede con la fine del supporto per Windows 7, il sistema non smette di funzionare e non avrà assolutamente limitazioni o date di scadenza. Il problema della fine del supporto è che non riceverà più aggiornamenti di sicurezza. In molti possono sottovalutare questo aspetto dicendo che tanto non cambia nulla, mentre in realtà, Windows 7 oggi si trova nella stessa situazione di Windows XP, ossia quella di un vecchio sistema operativo che, col passare del tempo, accumulerà gradualmente falle di sicurezza senza patch. Se quindi, per i prossimi mesi, non ci saranno grossi problemi, a lungo andare l'utilizzo di Windows 7 sul PC sarà sempre più a rischio di virus e malware che non potranno essere fermati nemmeno dal migliore degli antivirus.
Questo non significa che non si possa continuare ad usare Windows 7 nel 2020 ed almeno fino al 2021, soltanto che bisogna adottare alcune precauzioni e stare un po' più attenti a quello che si scarica, ai siti che si visitano ed ai programmi che si utilizzano.

Prima di tutto, anche se molti affezionati non saranno d'accordo, il consiglio primario è quello di eseguire l'aggiornamento a Windows 10. Mentre quando terminò XP bisognava pagare per passare a Windows 7, in questo caso è possibile è possibile passare a Windows 10 gratis da Windows 7 e 8, senza dover pagare una nuova licenza.
In un altro articolo abbiamo quindi visto la guida per installare Windows 10 da Windows 7 senza perdere file personali.

Programmi di sicurezza per Windows 7 dal 2020

Chi utilizza, come antivirus di Windows 7, l'antivirus Microsoft Security Essentials o MSE, farebbe bene a rimuoverlo ed installarne un altro che sicuramente supporti Windows 7. Benchè, infatti, Microsoft abbia annunciato che il suo antivirus per Windows 7 continuerà a proteggere i computer fino al 2023, è stato anche terminato il supporto per MSE che non sarà, quindi, più aggiornato come programma e diventerà, col tempo, un antivirus obsoleto.
Sarebbe quindi meglio installare un programma diverso, per esempio la versione gratuita di BitDefender oppure Kaspersky Free che sono sicuramente le scelte migliori se non si vuol pagare nulla.
Inoltre è importante dotarsi di un buon strumento di scansione malware da utilizzare almeno ogni mese, come MalwareBytes Antimalware e poi installare anche ADWCleaner contro spyware e adware.

Installare una Sandbox

Un altro programma di sicurezza assolutamente consigliato da usare dal 2020 in Windows 7 è quello che attiva la Sandbox in cui eseguire i programmi sconosciuti o quelli che possono essere a rischio. La Sandbox (che è una funzione integrata in Windows 10), serve a isolare l'esecuzione di un software in modo che, anche se fosse il peggiore dei malware, non possa nuocere al sistema operativo.
Per avere una Sandbox su Windows 7 bisogna installare il programma gratuito Sandboxie, facile da usare e senza limitazioni.

Browser da usare in Windows 7 per navigare su internet

Per visitare siti internet da un PC Windows 7 è tassativo e obbligatorio non utilizzare più Internet Explorer come browser, il cui supporto è terminato e che dal 2020 sarà vulnerabile a qualsiasi sito con malware.
Per fortuna ci sono molte alternative, sopratutto Chrome ed il nuovo Microsoft Edge che saranno ancora aggiornati e supportati con aggiornamenti di sicurezza su Windows 7 almeno fino al 2021. Firefox anche funziona in Windows 7, ma Mozilla non ha detto ancora per quanto tempo sarà supportato.
Tenere conto che, poiché il sistema operativo non riceve più aggiornamenti di sicurezza, avere un browser Web aggiornato assume un'importanza fondamentale per difendersi dalle minacce online.

Proteggere le impostazioni di Windows 7

Chi vuole continuare ad usare Windows 7 anche nel 2020 e oltre deve assicurarsi, prima di tutto, che il sistema sia aggiornato con tutte le ultime patch. Andando su Windows Update si può fare questa verifica e, nel caso, scaricare gli ultimi aggiornamenti. Lasciare inoltre il servizio di Windows Update attivo ed automatico perchè Microsoft potrebbe rilasciare aggiornamenti particolarmente importanti per Windows 7 anche dopo la fine del supporto, proprio come avvenne per Windows XP. Bisogna anche tenere d'occhio fonti ufficiali Microsoft o blog specializzati nel caso in cui venga rilasciato un importante aggiornamento di sicurezza da scaricare manualmente, cosa che è avvenuto nel 2019 per Windows XP.
Per quanto riguarda le impostazioni di sistema, i suggerimenti per proteggere il PC Windows 7 sono gli stessi di sempre: evitare di cliccare link sospetti, non aprire link di spam ricevuti via email, lasciare abilitate importanti funzionalità di sicurezza come il Controllo account utente e Windows Firewall.
Da leggere, inoltre, la guida per proteggere gli account amministratore e guest Windows per accedere al computer, in modo da escludere completamente il rischio che qualche programma possa acquisire i diritti di amministratore e fare danni.
Se dà fastidio, è anche possibile nascondere per sempre il messaggio di fine supporto in Windows 7.

Rimuovere o aggiornare i programmi installati

Per usare Windows 7 dal 2020 in poi in modo sicuro è importante tenere solo programmi supportati e aggiornati. Di conseguenza, conviene andare a vedere la lista dei programmi installati sul PC (dal Pannello di Controllo) per rimuovere tutti quelli vecchi che non vengono aggiornati da tempo. Per i programmi che si usano di più, bisogna invece andare a cercare sui vari siti ufficiali, le nuove versioni. Potrebbe allora tornare utile uno strumento per scaricare Aggiornamenti automatici di programmi e software installati sul PC.
Particolare attenzione va messa nel controllare i programmi che hanno accesso a internet (come il client Torrent o programmi di chat e client Email) e quelli che sono, storicamente, più vulnerabili agli attacchi come Java, Adobe Flash, Adobe Reader e QuickTime.

In Conclusione

Usare Windows 7 anche nel 2020 è una scelta assolutamente legittima, ma che non deve essere perpetuata per troppo tempo. Personalmente ritengo che, al massimo, potrà essere utilizzato senza grossi problemi anche per un anno, ma andare oltre (e sopratutto continuare ad usare Windows 7 anche quando Chrome e Firefox non lo supporteranno più) significherà assolutamente sfidare la fortuna. Non ci sono allarmismi, l'importante è sapere che Windows 7 diventerà più pericoloso nel tempo a causa dei bug di sicurezza che saranno scoperti e non corretti.
Per finire, ricordo che per le aziende il discorso sul termine supporto di Windows 7 è molto diverso perchè possono ancora scegliere di pagare per ottenere gli aggiornamenti di sicurezza. Questa opzione non è disponibile per i computer di casa e vale soltanto per Windows 7 Enterprise o Windows 7 Professional.

Posta un commento

Comments (0)

Nuova Vecchia