Main menu

Pages

CoronaVirus: Mappa dei contagiati in Italia e nel mondo in tempo reale

mappa italia coronavirus Onestamente fino ad oggi non gli avevo dato proprio peso, e nemmeno sarebbe stato opportuno parlarne nelle pagine di questo blog, ma ora che il virus nCoV o COVID-19, chiamato ormai da tutti Coronavirus, è arrivato anche in Italia, vale la pena spendere due parole. A tal proposito, lasciando da parte spiegazioni mediche che non mi competono, è molto interessante segnalare un sito che sta tenendo traccia, in tempo reale, dei contagi in tutto il mondo, con statistiche precise ed una mappa che si aggiorna ogni ora. Senza allarmismi, è innegabile che le notizie su questo nuovo Coronavirus inizino ad essere più preoccupanti di quanto ci si poteva aspettare.

La storia del coronavirus (COVID-19) parte, pare, dall'8 Dicembre 2019, con alcuni stallieri del mercato di pesce a Wuhan trovati infetti. Il 31 dicembre 2019 è la data in cui viene avvertita l'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) sull'esistenza di un focolaio di polmonite di origine sconosciuta rilevato nella città di Wuhan (settima città più grande in Cina con 11 milioni di persone, importante snodo del trasporto aereo nella Cina centrale), nella provincia di Hubei, in Cina. Il 10 gennaio, il sequenziamento genico ha determinato che si tratta di un nuovo coronavirus (virus respiratori), il con nome 2019-nCoV, un betacoronavirus, correlato al virus della sindrome respiratoria mediorientale (MERS) e al virus della sindrome respiratoria acuta grave (SARS). Tuttavia, la mortalità e la trasmissibilità di 2019-nCoV sono ancora sconosciute e probabilmente variano rispetto a quelle dei coronavirus precedentemente citati.
Solo il 20 gennaio, la National Health Commission (NHC) della Cina ha confermato che il coronavirus può essere trasmesso tra esseri umani. Lo stesso giorno casi di infezione con 2019-nCoV sono stati confermati in Giappone e Corea del Sud e il giorno seguente anche negli Stati Uniti e Taiwan. Il 21 gennaio diverse province cinesi hanno anche riferito di nuovi casi e l'infezione è stata confermata con sei vittime segnalate. Nei tentativi di mitigare la trasmissione locale in Cina, sono state implementate strategie senza precedenti di controllo delle epidemie a Wuhan e altre città, con la sospensione di tutti i trasporti pubblici e dei viaggi aerei, mettendo tutti gli 11 milioni di residenti in quarantena. Il 24 gennaio lo stesso destino è toccato ad altre 2 città, Huanggang ed Ezhou ed in tutta la Cina sono state cancellate le celebrazioni per il capodanno cinese.
Il 22 gennaio, un comitato di emergenza dell'OMS si è riunito per discutere se l'epidemia dovesse essere classificata come un'emergenza di salute pubblica di interesse internazionale (PHEIC), cosa che è avvenuta il 30 Gennaio. Ciò non significa che moriremo tutti o che la malattia non è più sotto controllo, ma semplicemente che il virus ha attraversato i confini internazionali in un modo che richiede ai paesi di lavorare insieme per evitare che la situazione peggiori ulteriormente.
Quello che è emerso fino ad ora (secondo i dati attuali) è che si tratta di un virus con un basso tasso di mortalità del 3%, ma con un contagio che può verificarsi durante il periodo di incubazione, quindi anche prima che compaiano i sintomi della malattia e della febbre. Con queste caratteristiche ci sarebbe una certa facilità di diffusione, come appare evidente guardando i dati della mappa di diffusione dell'epidemia Coronavirus in tempo reale.

La mappa in tempo reale sul contagio del coronavirus COVID-19


La mappa è pubblicata sul sito https://gisanddata.maps.arcgis.com/apps/opsdashboard/index.html.
E' possibile vedere la cartina mondiale con tanti pallini rossi quanti sono i contagi certificati col coronavirus. Si può ingrandire la mappa e spostarla per vedere il dettaglio del contagio in Cina, dove sono stati contati, fino a questo momento, 80000 casi ai quali vanno aggiunti altri casi in tutto il mondo per un totale di 116000 contagi. La cifra è decisamente alta, e dal grafico di diffusione si può notare come stia aumentando sempre più lentamente in Cina e sempre più rapidamente in Europa e negli USA.

Mappa Italia Coronavirus

In Italia, i contagiati ad oggi sono più di 10000 ed è possibile vedere tutte le città e le regioni dove si sono verificati in questa mappa aggiornata in tempo reale dalla Protezione Civile.


Come detto prima, la mortalità del virus è piuttosto bassa, per lo più di persone anziane o con problemi di altro genere. Il problema vero è nell'affollamento degli ospedali e nel numero di malati che hanno bisogno di stare in rianimazione per respirare. Stando alle notizie che si possono trovare online i sintomi del coronavirus sono esattamente quelli dell'influenza: raffreddore, tosse, mal di gola, febbre. In caso di complicazioni, però, può diventare simile alla polmonite facendo mancare il respiro quindi, in mancanza di trattamenti adeguati, può quindi essere mortale. Non ci sono vaccini (e non credo ci saranno a breve) e non ci sono terapie speciali per affrontare questa malattia.
La trasmissione del virus, così come l'influenza, avviene per via aerea, stando un certo periodo di tempo all'interno di un luogo chiuso con un infetto. Sembra essere pertanto abbastanza inutile andare in giro con le mascherine normali (ci vogliono le mascherine FFP2 o FFP3, praticamente introvabili; su Amazon quelle che ci sono costano tantissimo).
reactions

Commenti

table of contents title