Bloccare siti sul PC o limitare il tempo su Facebook, Youtube o altri

Bloccare siti Ci sono due casi per cui uno potrebbe voler bloccare la navigazione su alcuni siti Web. Il primo è quello di un capo ufficio che non vuole che i dipendenti perdano tempo a lavoro andando a giocare online, comprare su Ebay o guardare video Youtube (vedi i siti che fanno perdere più tempo a lavoro); il secondo caso invece è quello di un genitore che vuole giustamente lasciare che il figlio navighi su internet evitando però che capiti, per caso o per curiosità, in siti non per minorenni.
Ci sono diverse soluzioni, alcune più elaborate, altre più facili ed immediate, che consentono di bloccare alcuni siti sul pc oppure di limitare il tempo di navigazione sui quei siti che fanno perdere tempo a casa o a lavoro. In questa guida vi segnaleremo tutti gli strumenti gratuiti o con prova gratuita che possiamo utilizzare per bloccare siti Web su PC, così da rendere la navigazione su Internet finalizzata solo allo studio o al lavoro.

Come bloccare siti Web su PC

Per ottenere il blocco desiderato possiamo affidarci ad alcuni programmi facili da installare su PC oppure a qualche estensione per il browser, a cui dovremo comunque affiancare un blocco delle app (altrimenti basta cambiare browser per aggirare il blocco).

BlockSite - Website Blocker (Chrome e Firefox)

Se cerchiamo un livello di protezione integrato all'interno del browser sulla postazione da bloccare, vi consigliamo di provare subito l'estensione BlockSite, disponibile gratuitamente per Google Chrome e Mozilla Firefox.
BlockSite

Installando questa estensione potremo scegliere quali siti visualizzare e quali invece bloccare, utilizzando un approccio basato su whitelist (ossia blocca tutto tranne) o un approccio basato sulla blacklist (permetti tutto tranne). Le impostazioni possono essere protette con una master password, così che nessuno possa aggirare i limiti imposti e, per maggiore sicurezza, l'estensione viene protetta dalla disinstallazione e si replica da sola su tutti i profili presenti (di fatto non è possibile aggirarla una volta installata su Chrome). L'estensione funziona ovviamente anche in incognito, per bloccare i siti per chiunque cerchi di aggirare i divieti nella modalità anomima.
Per renderlo davvero efficace però dovremo affiancarci un sistema di blocco delle app, così che chiunque utilizzi quel profilo può avviare solo Chrome come browser di sistema; a tal proposito vi invitiamo a leggere la nostra guida su Come bloccare programmi con password su PC Windows.

Norton Family

Se il problema riguarda il PC dei nostri figli, uno degli strumenti più efficaci per monitorare e bloccare i siti Web non richiesti o limitarne il tempo d'uso è sicuramente Norton Family.
Norton Family

Installando il programma sul PC esso si nasconderà alla vista e verrà avviato come servizio di sistema, così da non poter essere disattivato con facilità (anche cambiando utente). Accendendo all'interfaccia del programma (tramite una master password) potremo aggiungere il profilo di blocco da attuare ai nostri figli e scegliere quali siti può visitare, quali siti non può visitare (sia con blacklist sia usando una whitelist), decidere il tempo d'utilizzo del PC (escludendo dinamicamente gli orari di studio e le ore notturne) e monitorare ogni attività svolta sul computer, inclusi i programmi aperti (anch'essi bloccabili).
In ambito casalingo è probabilmente la soluzione più potente ed efficace, ma non è disponibile gratuitamente: possiamo testarne le funzionalità per 14 giorni, poi è necessario acquistare una licenza d'uso per poter proseguire nel suo utilizzo.
Altri programmi di parental controllo simile a questo possono essere visionati nella nostra guida Controllo genitori e filtro famiglia su PC e internet: 5 modi di tenere i bambini al sicuro.

NxFilter

Se cerchiamo qualcosa più orientato all'utilizzo in ambito business, per impedire ai dipendenti di aprire Facebook o altri siti "distraenti", possiamo affidarci al programma gratuito NxFilter.
NxFilter

Con questo avanzato strumento di analisi e gestione del traffico Internet (basato anche sulle richieste DNS), potremo applicare a tutti i PC presenti all'interno della nostra rete o gestiti da un amministratore unico dei blocchi DNS, che impediscono del tutto l'apertura dei siti che non vogliamo vengano aperti durante l'orario di lavoro. Con questo programma potremo configurare sia una whitelist (tutti i siti bloccati tranne quelli utili per il lavoro) sia una meno efficace blacklist (tutti i siti consentiti tranne quelli elencati).
Per poter sfruttare al massimo le potenzialità di questo strumento dovremo impedire le modifiche alle impostazioni di rete (per cambiare i DNS) e l'installazione di nuovi programmi (come DNS Jumper); per riuscirci possiamo utilizzare i criteri di gruppo locali, come visto nella nostra guida su Come usare l'editor Criteri di Gruppo locali di Windows (gpedit.msc).

InternetOff

Se invece di un blocco generico dei siti Web cerchiamo qualcosa che blocchi la connessione Internet in determinate fasce orarie (studio, lavoro, notturno etc.), possiamo affidarci ad un tool completamente gratuito come InternetOff.
InternetOff

Questo piccolo ma efficace tool permette di impostare una programmazione continua per gli orari e i giorni in cui è consentito l'accesso a Internet; negli orari "vietati" non sarà possibile aprire nessun sito Web, visto che la connessione risulterà bloccata. Per impedire modifiche o chiusure volute questo tool può installarsi come servizio di sistema e permette anche la creazione di una password di sicurezza, efficace anche per impedire la disinstallazione (vi consigliamo comunque di affiancarci un programma per il blocco dei software o dei menu di sistema "pericolosi").

URL BLocker

Per bloccare siti pericolosi su un computer Windows o Mac, un buon programma che si può trovare è URL Blocker.
il programma non richiede installazione, il che significa che tutto ciò che devi fare è eseguire il file dopo averlo scaricato. Il funzionamento è semplice e senza troppe opzioni, con lo scopo unico di limitare l'accesso a siti specifici, indicati in una lista, in modo che non sia possibile visitarli.

Conclusioni

Fino a poco tempo fa era disponibile un efficace programma per il blocco dei siti chiamato K9 Web Protection: purtroppo il suo sviluppo è terminato e non è più possibile utilizzarlo. Le alternative gratuite non mancano e permettono di bloccare tutte le richieste di siti non consentiti o fuori orario: per ottenere lo stesso livello di protezione offerto da K9 purtroppo dovremo abbinare uno o più strumenti insieme oppure puntare su una soluzione a pagamento efficace come Norton Family.

In un'altra guida vi abbiamo mostrato come controllare quello che viene fatto sui computer in rete (di casa o, meglio, di un ufficio).
Per proteggere i minori dalla navigazione sul Web possiamo utilizzare anche alcuni programmi che prevengono la navigazione su siti pericolosi o per adulti.
Un altro metodo molto efficace per per impedire al browser di aprire alcuni siti internet richiede la modifica del file hosts, ma richiede senza ombra di dubbio una certa dimestichezza con le impostazioni di Windows.

Posta un commento

Comments (0)

Nuova Vecchia