Main menu

Pages

Come cambiare DNS

Cambiare DNS Se alcune pagine Web non risultassero più accessibili o se notassimo che il computer impiega troppo tempo per aprire le pagine che non avevamo mai visitato prima, potrebbe non essere un problema di connessione di rete o di modem ma un problema legato ai server DNS, un servizio fondamentale per il funzionamento di Internet e che agisce senza che noi ce ne accorgiamo (di fatto li utilizziamo tutti i giorni!). Cambiare i DNS potrebbe rendere molto più veloce ogni connessione e vi permetterà di accedere anche alle pagine Web bloccate o non più raggiungibili con i DNS dell'operatore telefonico.
In questa guida vi spiegheremo cosa sono i DNS, perché conviene cambiarli e le procedure per poter procedere al cambio su qualsiasi dispositivo in nostro possesso, sia esso PC, Mac o un dispositivo mobile (Android o iOS/iPadOS).

Come modificare i DNS

Nei seguenti capitoli scopriremo tutto sui DNS e come modificarli velocemente su ogni computer, telefono o tablet. Una volta cambiati i DNS essi sono subito attivi, ma vi consigliamo di riavviare sempre il dispositivo così da cancellare anche la cache ad essa associata.

Cosa sono i DNS

Il DNS sono dei server di risoluzione dei nomi di dominio e degli indirizzi Internet. In pratica sono due indirizzi IP (primario e secondario) a cui ci colleghiamo ogni volta che si apre il browser web per navigare; essi traducono l'indirizzo IP di un sito (che può essere 244.366.40.23) in un nome del sito (per esempio google.it) e viceversa.
Funzionamento DNS

Gli indirizzi IP dei server DNS vengono assegnati automaticamente dal gestore della connessione, ad esempio da TIM, Fastweb, Wind ecc., ma si possono cambiare utilizzando altri server DNS sia a livello di dispositivi singoli sia a livello router (dove le modifiche ai DNS avranno effetto su tutta la rete).

Perché cambiare i DNS?

Cambiare DNS può essere utile per diversi motivi :
  • Bypassare le restrizioni e le censure nazionali sul web (per aprire i siti oscurati).
  • Navigare più velocemente, visto che le richieste dei siti vengono elaborate ad una velocità superiore rispetto ai DNS classici.
  • Bloccare siti pericolosi e indesiderati: bloccando le richieste DNS verso siti pericolosi o indesiderati potremo navigare in maggiore sicure.
Se le nostre necessità coincidono con quelle indicate in alto, cambiare i DNS vi permetterà di risolvere alcuni dei problemi di navigazione più comuni e bloccare le richieste DNS per siti indesiderati, contenuti non appropriati o contenuti pericolosi (virus o malware di ogni genere).
Vale quindi la pena modificarli usando server diversi che possono essere, per esempio, i DNS veloci di Google o i DNS sicuri di OpenDNS.

Come cambiare i DNS su Windows

Per cambiare DNS su un PC Windows 10 premiamo con il clic destro del mouse sull'icona della rete (in basso a destra o nascosta nel menu della systray), selezioniamo la voce Apri impostazioni rete e Internet, premiamo su Modifica opzioni scheda, facciamo clic destro sulla connessione in uso, clicchiamo su Proprietà, selezioniamo Protocollo Internet TCP/IPv4 e infine premiamo nuovamente su Proprietà.
Proprietà rete

Nella nuova finestra che si aprirà spuntiamo la voce Utilizza i seguenti server DNS e scriviamo i due indirizzi nei campi Server DNS preferito e Server DNS alternativo.

Se questa procedura vi sembra troppo lunga possiamo scaricare un tool della Nirsoft chiamato QuickSetDNS e cambiare DNS in modo veloce e pratico.
QuickSetDNS

QuickSetDNS è un programma autonomo che non necessita di installazione e, una volta avviato, permette di impostare velocemente i server DNS pubblici di Google, i server DNS di Cloudflare, i server DNS di Quad9 o di utilizzare i DNS impostati sul router. Per scegliere quale di questi DNS usare, selezioniamolo cliccandoci sopra con il tasto destro e selezionando la voce Set Active DNS (si può anche solo premere il tasto F2).
Per aggiungere un nuovo set di indirizzi basta solo cliccare col tasto destro nello spazio vuoto e poi su New DNS server scrivendo gli indirizzi ip separati da una virgola e uno spazio.

Per rendere il cambio di DNS ancora più semplice, è possibile creare dei collegamenti veloci da mettere sul desktop o dentro una cartella specifica di Windows.
Per farlo, cliccare ad esempio sulla riga dei DNS Google in QuickSetDNS e scegliere l'opzione Copy SetNDS Command Line. Portiamoci ora sul desktop, clicchiamo col tasto destro del mouse in un punto vuoto e usiamo l'opzione per creare un nuovo collegamento incollando l'informazione copiata dal tool nel campo di destinazione, premiam quindi su Avanti e scegliamo un nome; cliccando su quel collegamento potremo impostare velocemente i DNS desiderati sul PC.
Ripetere quindi la procedura per l'impostazione "Automatic DNS" in modo da poter ripristinare le impostazioni predefinite senza dover fare più di un click.

Come cambiare i DNS su Mac

Per cambiare DNS su Mac dovremo agire sulle impostazioni della connessione di rete, non essendoci nessun tool dedicato.
Per modificare i server DNS su macOS X premiamo in alto a destra sull'icona della rete, selezioniamo la voce Apri preferenze rete, selezioniamo la scheda di rete che stiamo utilizzando al momento (nel riquadro a sinistra) premiamo sul tasto Avanzate in basso a destra e portiamoci nella scheda DNS.
DNS Mac

Premiamo in basso a sinistra sul pulsante a forma di + (sotto la colonna Server DNS) e inseriamo gli indirizzi DNS da utilizzare, premiamo su OK e successivamente su Applica per rendere effettive le modifiche.

Come cambiare DNS su smartphone e tablet

Su smartphone e tablet con sistema operativo Android possiamo cambiare i DNS in maniera rapida e veloce utilizzando alcune app predisposte per lo scopo, così da utilizzare i nuovi DNS sia con le connessioni Wi-Fi sia con la connessione di rete dati.
Per impostare i DNS di Cloudflare sui nostri dispositivi mobile possiamo scaricare l'app 1.1.1.1: Faster & Safer Internet, disponibile per Android e iPhone/iPad.
Cloudflare

Quest'app permette di impostare il server DNS di Cloudflare (1.1.1.1) in più offre un sistema di filtraggio molto efficace contro le minacce del web e i pericoli per la privacy.

Se possediamo uno smartphone o un tablet Android possiamo utilizzare in alternativa anche l'app dnspipe, disponibile gratuitamente.
dnspipe

Con quest'app potremo impostare velocemente i DNS di Google o di qualsiasi altro provider in maniera veloce, con la possibilità di automatizzare il processo per il tipo di rete a cui ci connettiamo oppure ottenere delle comode scorciatoie widget con cui attivare i nuovi DNS (che agiranno sul telefono o sul tablet come una nuova connessione VPN, anche se in realtà non stiamo sfruttando nessuna VPN ma è tutto in locale).

Se cerchiamo altri metodi per cambiare i DNS sui telefoni, vi consigliamo di leggere la nostra guida per cambiare DNS su smartphone Android e iPhone.

Come cambiare DNS su router


Cambiare DNS sul router significa modificare l'impostazione automatica di tutti i dispositivi collegati ed è un'operazione fortemente raccomandata, almeno sui router liberi e non soggetti a vincoli sui DNS (come possono esserlo i modem proprietari o forniti in comodato d'uso).
Se il nostro modem o router lo permette apriamo il browser web, inseriamo l'indirizzo IP giusto per entrare nelle impostazioni del router e, nella schermata di configurazione, cerchiamo DNS, Server DNS oppure DHCP settings o DHCP Server.
DNS Modem

Inseriamo i DNS scelti negli appositi campi quindi confermiamo e riavviamo, così da rendere effettive le modifiche.

Conclusioni

I server DNS offerti dall'operatore sono spesso troppo lenti o bloccano troppi siti per poter essere utilizzati sui nostri computer o smartphone, per questo vi consigliamo sempre di cambiarli con una delle tante soluzioni alternative viste nella guida in alto.

Se non sappiamo quali server DNS scegliere, possiamo anche affidarci ai consigli visti nella guida agli indirizzi DNS più veloci e sicuri per proteggere la connessione internet.
Sempre a tema DNS possiamo diventare dei massimi esperti sull'argomento leggendo il nostro articolo Come funzionano VPN, Proxy e DNS.
reactions

Commenti

table of contents title