Main menu

Pages

Tutti i modi per velocizzare l'avvio di Windows 10

Avvio Windows 10 Ogni giorno, milioni di computer Windows vengono avviati e i poveri utenti che devono usarlo per lavoro restano in attesa a guardare la successione di schermate che Windows mostra prima di caricare il desktop. Questo processo di boot può impiegare anche da qualche secondo a qualche minuto, a seconda del computer usato e dell'ottimizzazione del sistema.
Per chi soffre questa attesa e sente che il proprio PC impiega troppo tempo ad avviarsi e diventare finalmente utilizzabile, vediamo qui tutti i modi per velocizzare l'avvio di Windows 10.
In alcuni casi può bastare cambiare qualche impostazione, in altri fare modifiche a livello di sistema o a livello di BIOS in altre ancora cambiando qualche componente interna del computer: l'unica opzione esclusa è quella di comprare un nuovo computer, una risposta troppo ovvia e non sempre applicabile (per esempio in ufficio dobbiamo accontentarci del computer messo a disposizione).

Come velocizzare fase avvio Windows 10

La maggior parte delle procedure descritte nella seguente guida sono alla portata di qualsiasi utente, indipendentemente dal su grado d'esperienza con la tecnologia e con i computer in generale. Se vogliamo aggiornare qualche componente del PC possiamo anche procedere da soli, anche se consigliamo di rivolgervi ad un tecnico informatico professionista.

Disabilitare i programmi in avvio automatico

Molto spesso alcuni programmi si piazzano in esecuzione automatica in modo da rimanere attivi in background e rallentare sia l'avvio di Windows che il suo regolare funzionamento. Per vedere i programmi che si avviano da soli, basta solo guardare l'area di notifica accanto l'orologio in basso a destra ed espanderla cliccando sulla freccetta. Se ce ne sono più di 5, c'è qualcosa di troppo.
Possiamo rimuovere velocemente i programmi in autoavvio che non ci interessano premendo con il tasto destro del mouse sulla barra delle applicazioni, selezionando la voce Gestione attività, cliccando su Più dettagli (se presente), portandoci nella scheda Avvio e utilizzando il tasto destro sui programmi o processi da disattivare (grazie alla voce Disabilita).
In un altro articolo vi abbiamo mostrato alcuni programmi per gestire l'avvio automatico in Windows e del computer o, in alternativa, possiamo provare il programma Autoruns per velocizzare il caricamento di Windows.

Attivare l'Avvio rapido

Una delle caratteristiche migliori delle ultime versioni di Windows è l'avvio veloce, una sorta di ibernazione ibrida che permette di salvare lo stato del sistema operativo e di riavviarlo velocemente in qualsiasi condizione e con qualsiasi tipo di hardware.
Per avviare questa modalità apriamo il menu Start in basso a sinistra, digitiamo la parola Coperchio, apriamo la voce Cambia le operazioni eseguite alla chiusura coperchio, premiamo in alto su Modifica impostazioni attualmente non disponibili e assicuriamoci che sia spuntata la voce Attiva avvio rapido (scelta consigliata), quindi riavviamo il PC.
In un altro articolo abbiamo approfondito l'argomento dell'avvio veloce di Windows 10.

Liberare spazio sul disco

Se il disco principale del computer è quasi pieno, Windows diventa più lento e questo è un dato di fatto incontrovertibile. Bisogna quindi scorrere tutti modi per liberare spazio disco sul PC, usando programmi come adatti a scovare i file più grandi e i file duplicati.
Si possono anche svuotare le cartelle di sistema dai file di backup, dai service pack e altri file inutili come visto nella guida su come risparmiare spazio sul disco C: in modo estremo.
Come ultima soluzione possiamo anche aumentare lo spazio a disposizione comprando un disco più
grande (anche 4 TB) e spostando l'intero sistema operativo, come visto nella guida Trasferire Windows su un altro PC o disco, senza reinstallare e perdere dati.

Bonificare lo spazio libero

Quando si sposta un file nel cestino e si cancella, questo non viene eliminato dal disco, ma reso soltanto sovra-scrivibile da altri file. Windows lo vede quindi come spazio libero, anche se in realtà non è veramente vuoto, ma contenere ancora i dati relativi a file cancellati usando il cestino e, quindi, ancora recuperabili. Facendo la bonifica del disco libero del disco si otterrà un nuovo guadagno di spazio. Tenere presente che questa operazione si può fare solo su hard disk e non su unità SSD.

Disabilitare gli effetti visivi

Questa modifica di impostazione di Windows fa la differenza solo sui computer più vecchi o con una scheda grafica scadente. Disabilitare gli effetti visivi di Windows è una delle operazioni base nella guida per ottimizzare Windows 10 e diminuire l'uso di risorse del PC.

Ottimizzare file di paging

Il file di paging gioca sempre un ruolo importante in Windows quindi la sua impostazione corretta può essere utilizzata per migliorare le prestazioni di Windows e ridurre i tempi di avvio. Il file di paging è particolarmente importante sui computer con poca memoria RAM (meno di 8 GB per esempio. Abbiamo visto, in un altro articolo, come ottimizzare il file di paging in Windows.

Installare più RAM

Purtroppo in molti computer, anche nuovi si presentano con 4 o con 8GB di RAM, magari sufficienti in un primo momento ma che si riempiono velocemente dopo qualche settimana d'uso del computer, specie se apriamo molti programmi contemporanemente. Con una spesa molto contenuta possiamo comprare un altro banco di memoria RAM da inserire nel PC ed arrivare almeno a 16GB, così da non avere mai problemi qualsiasi programma.
In altri articoli vi abbiamo mostrato come aumentare RAM sul computer e aggiungere RAM sul portatile.

Installare un SSD come disco primario

Di tutti i modi per velocizzare l'avvio di Windows, l'uso di un SSD è quello più efficace. Se si vuol avviare il computer in pochi secondi allora bisogna passare a una SSD, le unità veloci con prezzi sempre più popolari e alla portata di tutti (anche in versione da 1TB).
Abbiamo parlato di come fare questa sostituzione in diversi articoli tra cui:

Fare manutenzione del disco primario

Il disco primario, sia nel caso di un SSD sia nel caso di un disco meccanico, deve essere mantenuto veloce e pulito da ogni frammento o da ogni dato con cancellato; per fortuna questa operazione è automatica su Windows 10 quindi non c'è molto da preoccuparsi.
Si può comunque installare un programma di deframmentazione disco per avere più opzioni di ottimizzazione con i dischi meccanici.
Se si utilizza un SSD (solid state drive) al posto di un hard disk tradizionale, non bisogna mai fare la deframmentazione ma dovremo effettuare il TRIM, una procedura di ripristino delle celle già utilizzate; a tale scopo possiamo anche leggere la nostra guida ai programmi per ottimizzare l'unità SSD.

Disinstallare programmi inutilizzati

Oltre ai consigli visti in alto possiamo anche disinstallare i programmi inutilizzati e non necessari, che aggiungono voci di registro e possono, in alcuni casi, rallentare il processo di avvio. Per fare prima si può usare un programma disinstallatore come Revo Uninstaller.

Ripulire Windows dai file spazzatura

Durante l'uso del computer si accumulano file o frammenti di dati che sono equiparabili al calcare che si forma nelle lavastoviglie. Questi vanno, ogni tanto (non troppo spesso), eliminati usando un programma come Ccleaner, veloce, affidabile e sicuro.

Modificare le impostazioni del BIOS/UEFI

Quando si accende un computer, esso prima carica il BIOS o UEFI e a loro volta caricano il sistema operativo. Nel BIOS/UEFI possiamo cambiare l'ordine di boot mettendo per primo il disco dove è installato Windows. Si può risparmiare tempo di boot del sistema attivando l'opzione di quick boot nel BIOS, che salta tutti i controlli hardware che sono inizialmente fatte durante il processo di avvio.
Vedi qui su come ridurre tempo BIOS e di avvio del PC.

Disabilitare o limitare il timeout di avvio

Per limitare il timeout di avvio su PC con più sistemi operativi apriamo il menu Start e digitiamo Sistema, così che sarà possibile aprire la voce Sistema e portarci in Impostazioni avanzate, scheda Avanzate e cliccare su Impostazioni sotto Avvio e ripristino . Se l'opzione "visualizza elenco sistemi operativi" è attiva, probabilmente ci sono diversi sistemi sul computer oltre a Windows 10 oppure c'è una partizione di ripristino. Se non si vuol risparmiare tempo, si può disabilitare questa scelta iniziale o limitare a 2 secondi il tempo.

Tenere il PC aggiornato, insieme ai i driver e ai programmi

Ogni aggiornamento di Windows è una correzione fatta da Microsoft per il sistema, più spesso relativo alla sicurezza, ma a volte anche a risolvere qualche bug. Per fortuna su Windows 10 è tutto automatico, quindi basterà controllare di tanto in tanto la voce se gli aggiornamenti vengono regolarmente eseguiti, come visto nella guida su come Come aggiornare Windows 10: Guida a Windows Update.

Disabilitare hardware non necessario

Quando si avvia un computer vengono caricati tutti i driver per far funzionare i componenti interni e quelli esterni collegati al PC. Se un componente hardware non viene mai usato, può essere disabilitato per velocizzare l'avvio di Windows. Per farlo bisogna andare in Gestione dispositivi (dal Pannello di controllo), espandere le varie categorie, cliccare col tasto destro su un driver e disattivarlo. La disattivazione rende quel dispositivo inutilizzabile, ma all'occorrenza si potrà sempre riattivarlo con la stessa procedura. Se non si sa bene cos'è un driver e cosa fa, meglio comunque non toccarlo.

Conclusioni

Tutti i suggerimenti descritti in alto vi permetteranno di velocizzare l'avvio di Windows 10 nella stragrande maggioranza degli scenari, così da poter subito iniziare a lavorare senza perdite di tempo. Vi ricordiamo però che periodicamente Windows 10 si aggiorna e, per installare gli aggiornamenti, potrebbe essere necessario aspettare molto tempo all'avvio; per ovviare a questo problema e far aggiornare solo quando noi non ci siamo, possiamo leggere la nostra guida su come Programmare aggiornamenti Windows a orari precisi e come Disattivare il riavvio automatico di Windows dopo un aggiornamento.
reactions

Commenti

table of contents title